Diagnosi e cura vertigini

Le indagini statistiche più recenti indicano che le vertigini e i disturbi dell'equilibro interessano il 5-10% della popolazione che si rivolge al medico di base, riguardano il 40% della popolazione oltre i 40 anni e sono la causa che più frequentemente spinge i pazienti con più di 65 anni di età a consultare il medico.

Diagnosi vertigini

Per diagnosticare le turbe del sistema dell'equilibrio siano esse vertigini o disequilibri, si inizia con una visita e un'anamnesi molto dettagliata e allargata non solo ai labirinti, ma a tutti i componenti del sistema dell'equilibrio: colonna vertebrale, occhi, soprattutto nella valutazione degli assi ottici (es: presenza di strabismo latente), masticazione e segni neurologici eventualmente associati. Si cerca anche di capire se il problema che ha colpito il sistema dell'equilibrio è una conseguenza, la punta dell'iceberg, la spia di una disfunzione cardiorespiratoria, ormonale (tiroide), metabolica (diabete), allergica o da intolleranza alimentare. Molto importante quindi lo screening ematochimico. Si passa quindi alla valutazione strumentale con la classica rilevazione del nistagmo spontaneo e provocato con stimolazioni termiche, rotatorie e vibratorie e con l'ausilio di pedane stabilometriche computerizzate e di potenziali evocati acustici e vestibolari. Grazie a questi dati integrati con l'esame clinico e l'anamnesi si giunge alla diagnosi non solo di sede, ma soprattutto alla diagnosi funzionale sui sottosistemi implicati: vestibolare, visivo, somatosensoriale, centri.

Terapia e cura vertigini

Le terapie sono la diretta conseguenza del percorso diagnostico suesposto e pertanto oltre ai farmaci antivertiginosi tradizionali si utilizzano anche farmaci che agiscono sui centri dell'equilibrio favorendo i compensi del sistema o che intervengono sulle periferie muscolo-articolari, o anche farmaci omeopatici o fitoterapici, integratori a scopo antiossidante e vasoattivo; il tutto poi integrato da un corretto bilancio endocrinologico e dietologico.

Si associa poi alla terapia farmacologica la medicina riabilitativa delle vertigini caratterizzata da trattamenti con esercizi assistiti personalmente dal medico per il miglioramento dell'equilibrio.

Share by: