Diagnosi e cura Acufeni

L'acufene può essere definito come la percezione di un rumore nell'orecchio o in entrambi o in testa, avvertibile soprattutto la sera quando ci corichiamo e in qualche caso anche di giorno. Deve essere considerato non come una "malattia", ma come un sintomo, un segnale di una situazione di "stress" che sta interessando il nostro organismo ovverosia è un campanello di allarme .Pertanto non dovrebbe avere in sé un significato negativo, ma purtroppo, essendo per lo più fastidioso per il soggetto che lo percepisce, può diventare a volte una "compagnia" davvero insopportabile .

Diagnosi Acufeni

È indispensabile per la diagnosi e la terapia collocare correttamente l'acufene in una delle 3 fasi della sua storia clinica: la fase acuta o d'allarme; la fase di resistenza, in cui il soggetto cerca di resistere all'acufene; e la fase esaustiva o d'esaurimento. A questo scopo si inizia il percorso diagnostico con una rigorosa valutazione audiologica che permette di fare una prima distinzione tra acufene ancora periferico (fase acuta e di resistenza) e centrale o in fase esaustiva.

Terapia e cura Acufeni

Solo gli acufeni ancora periferici verranno poi avviati ad un trattamento medico tradizionale con la somministrazione di particolari farmaci, associati all'impiego di laserterapia per migliorarne la diffusione nell'orecchio interno, e /o in particolari e selezionati casi ad una chirurgia mininvasiva che, attraverso una piccola incisione del timpano, permette di iniettare nell'orecchio medio altri tipi di farmaci, comunque sempre ben tollerati dalle cellule acustiche. In tutti gli altri casi di acufene ormai avviato alla fase cronica è preferibile adottare le tecniche proposte dalla NES definita Terapia Chinestesico-competitiva, nella quale si interviene con particolari tecniche riabilitative, associate a stimoli sonori specifici e musicali. Alla KCT si possono associare anche farmaci tradizionali, omeopatici o naturali, ma col solo scopo di migliorare la suscettibilità dei centri integratori cerebrali al trattamento riabilitativo.

Share by: